Coronavirus: la Slovenia riapre le frontiere, gli hotel e i ristoranti

Coronavirus: la Slovenia riapre le frontiere, gli hotel e i ristoranti

I nuovi provvedimenti del Governo dopo il calo dei contagi.

Le autorità slovene hanno annunciato la revoca di gran parte delle misure di restrizione introdotte a seguito della pandemia di coronavirus decretando la riapertura dei confini. La Slovenia diventa così il primo paese europeo a dichiarare la fine dell’epidemia sul suo territorio e aprirà diversi punti di confine per consentire ai cittadini dell’Unione europea di passare attraverso l’Austria, l’Italia e l’Ungheria, senza richiedere l’isolamento di una settimana.

Coronavirus: la Slovenia riapre le frontiere, hotel e ristoranti

A partire da lunedì prossimo la maggior parte delle aziende, compresi ristoranti e hotel riapriranno mentre le strutture alberghiere con più di 30 camere, piscine, centri benessere, parchi acquatici e palestre rimarranno chiuse. Tutte le aziende dovranno garantire il rispetto delle misure di protezione, come la distanza tra i clienti, dato che la situazione epidemiologica non consente ancora di “abolirli completamente“, ha avvertito il governo. Le restrizioni si applicano anche alla riapertura parziale di asili e scuole, con i limiti sul numero di studenti in classe e l’uso obbligatorio di maschere per il viso, i media locali hanno riferito. Dall’inizio dell’epidemia i casi confermati sono 1.465, le guarigioni ammontano a 270 mentre i decessi sono 103.

Related Articles