Morte prematura: scoperto un legame con le bibite analcoliche

Morte prematura: scoperto un legame con le bibite analcoliche

L’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro ha determinato, attraverso un nuovo studio, come le persone che tendono a consumare più di due bibite al giorno hanno un rischio maggiore di morte rispetto a quelle che le consumano meno di una volta al mese. Questo potrebbe essere il più grande studio mai condotto sulla relazione tra consumo di bevande analcoliche e livelli di mortalità basandosi sui dati raccolti in ben 16 anni, su un campione di circa 452.000 persone provenienti da 10 paesi europei, reclutati tra il 1992 e il 2000. Lo studio, per quasi 19 anni, ha registrato il consumo di bevande analcoliche dei soggetti, attraverso l’uso di questionari e interviste.

 

Uno dei risultati della ricerca, pubblicata martedì dalla rivista medica JAMA, mostra come le persone che consumassero quotidianamente uno o più bicchieri di soda zuccherata avessero un rischio maggiore di morire per disturbi digestivi mentre quelli che hanno bevuto due o più bicchieri di bibite zuccherate o bibite “dietetiche” registrassero un rischio maggiore di morte per malattie cardiovascolari. I risultati suggeriscono, inoltre, come un elevato consumo di zucchero sia in grado di causare danni alla barriera intestinale, provocando gravi problemi di salute e aumentando la suscettibilità alle malattie digestive. Il consumo di soda, inoltre, è stato anche associato con un aumentato rischio di malattie neurodegenerative come il Parkinson. 

Fonti Articolo:
  • https://jamanetwork.com/journals/jamainternalmedicine/fullarticle/2749350?guestAccessKey=b99410a9-8afc-4953-b328-bbb2620dfacd&utm_source=For_The_Media&utm_medium=referral&utm_campaign=ftm_links&utm_content=tfl&utm_term=090319

Related Articles