Thailandia: migliaia di scimmie invadono la città di Lopburi

Thailandia: migliaia di scimmie invadono la città di Lopburi

La situazione si è aggravata negli ultimi anni.

Una vera e propria emergenza sta interessando la città thailandese di Lopburi, colpita dall’invasione di almeno 8.400 scimmie. I primati hanno decimato alcuni settori dell’economia locale costringendo alla chiusura diverse attività. Venerati dalle comunità buddiste della regione, i primati vivevano nei templi e nelle rovine dell’antica civiltà Khmer, ma il loro numero, negli ultimi anni, è cresciuto in modo incontrollato. Nonostante gli sforzi delle autorità, le scimmie stanno occupando edifici abbandonati ed attaccato la popolazione locale, in cerca di cibo, causando danni alle case e alle auto parcheggiate.

Thailandia: migliaia di scimmie invadono la città di Lopburi

Per far fronte al fenomeno, sempre più grave, i funzionari della fauna selvatica hanno avviato una campagna di sterilizzazione per cercare di controllarne il numero. Nel mese di giugno sono stati operati più di 300 animali e altri 200 dovrebbero essere sterilizzati in agosto. Con il passare delle settimane, però, le scimmie hanno imparato ad identificare ed evitare i lavoratori dei reparti della fauna selvatica per le uniformi mimetiche. I funzionari sono stati costretti a cambiare le uniformi ed ora ”fingono” di essere turisti. “Le scimmie sono intelligenti. Ricordano”, ha dichiarato il direttore del Dipartimento Locale per la Conservazione della Fauna Selvatica, Narongporn Doodduem. ‘‘Poiché la loro dieta si basa su cibo spazzatura o bassi livelli nutrizionali – ha spiegato Doodduem – le scimmie di Lopburi hanno meno muscoli e meno pelo rispetto a quelle selvatiche, oltre ad essere più sensibili all’ipertensione e alle malattie del sangue.

Related Articles