Spazio: confermata l’esistenza dei ‘blanet’. I pianeti intorno ai buchi neri

Spazio: confermata l’esistenza dei ‘blanet’. I pianeti intorno ai buchi neri

I pianeti possono formarsi ed orbitare intorno ai buchi neri.

Chi l’ha detto che i buchi neri sono tutti affamati e distruttivi? Alla giusta distanza da questi oggetti distruttivi, possono sopravvivere anche pianeti. A confermarlo è uno studio realizzato dall’Università di Kagoshima, in Giappone, che ha anche dato un nome a questo tipo di oggetti: “Blanets”. Il team di esperti ha anche aggiunto come la formazione di questi lontani oggetti potrebbe avvenire attraverso l’addensamento dei granelli di polvere che girano vorticosamente intorno al nero buco. Al pari delle stelle, dunque, anche i pianeti possono formarsi e nascere nel disco di materiale intorno ai buchi neri. I frammenti di materiale si scontrano tra loro, accumulando gradualmente sempre più granuli fino al punto che l’oggetto diventa sufficientemente massiccio da consentire lo sviluppo delle forze gravitazionali. Se il processo non si ferma, si ha la formazione di un pianeta.

Spazio: confermata l’esistenza dei ‘blanet’. I pianeti intorno ai buchi neri

Quando le distanze sono sufficienti dal buco nero, inoltre, la formazione dei blanet potrebbe essere ancora più veloce rispetto alle stelle, consentendo agli oggetti di sfuggire all’attrazione gravitazionale del buco nero. Le dimensioni del pianeta sono proporzionali alla distanza dal buco nero. Secondo i nuovi calcoli degli esperti, ad una distanza di circa 13 anni luce, i blanets potrebbero avere dimensioni comprese tra le 20 e le 3.000 masse della Terra.

Related Articles