Non importa come: pericolosi retroscena di un pensiero semplice

Non importa come: pericolosi retroscena di un pensiero semplice

Può essere il motto di chi si pone un obiettivo e combatte con tutte le sue forze e con tutto il suo coraggio per raggiungerlo. Una chiave fatta di determinazione che apre porte inaspettate.

Può essere sintomo di spietatezza, condurre su percorsi pericolosi. Su strade che portano a fare sbagli irrimediabili.

In talune circostanze è la pretesa di chi vuole vedere esaudite le proprie aspettative senza applicar il minimo sforzo. Spesso giustificando questo anelito, con questioni di ruolo, status, gerarchia. Un figlio nei confronti di un genitore; “è mio padre, non m’importa come, deve comprarmi ciò che voglio”. Un datore di lavoro nei confronti dei dipendenti; “Io pago, non importa come, devono risolvere questo problema”. Un contraente nei confronti del governo; “non importa come, pago le tasse, devono garantirmi lo stile di vita che desidero”.

La psicologia rivela che ogni pretesa umana ha origine da un bisogno. Un bisogno perseguito in modo assoluto e rigido nei confronti di se stessi o degli altri. Spesso ci si trova  a fare i conti con la consapevolezza e la non realizzabilità di questi bisogni, e questo genera frustrazione, senso di colpa, senso di inettitudine. Iniziamo quindi a trovare giustificazioni plausibili per le nostre pretese, insite negli schemi del vivere comune e della cultura antropologica. Ci si trova di fronte a un bivio difficilissimo: l’idea di avere delle pretese non ci piace, ma abbandonarle per avere a che fare da soli con i propri bisogni, ci piace ancora meno.

Al giorno d’oggi, l’invettiva della società nei confronti degli altri trova un importante canale di sfogo nei social networks. Un modo facile e veloce per incanalare quelle frustrazioni e rivestirle di nuovo vigore, grazie a fenomeni di approvazione e clamore di gruppo. Tutto questo ci allontana pericolosamente dalle soluzioni efficaci; con un rapido ed altrettanto effimero senso di appagamento, ci allontaniamo dalla realtà della vita e dimentichiamo come si fa a mettersi nei panni degli altri, concentrandoci solo nei nostri.

Fonti Articolo:
  • https://www.stateofmind.it/2012/12/pretese/

Related Articles