Marte: scoperte argille nelle profondità del Monte Sharp

Marte: scoperte argille nelle profondità del Monte Sharp

Rocce speciali scoperte da Curiosity nell’area di Glen Torridon, sul Monte Sharp. Ecco cosa è stato scoperto.

Un antico letto di un lago scoperto su Marte. Le immagini provenienti dal Monte Sharp, su Marte, mostrano una distesa di argilliti e i sedimenti di un lago, precipitati sul fondo del bacino e modellati sul fondo come dei classici ”ciottoli di fiume’‘. Le caratteristiche della formazione suggeriscono un passato meno arido per il pianeta rosso e soprattutto per l’area della di Glen Torridon, ai piedi del Monte Sharp. La scoperta potrebbe spiegare, in parte, la presenza di gas sul pianeta rosso. Gli esperti, infatti, hanno ricreato in laboratorio di microecosistemi che potrebbero nascere su Marte, nel quale piccoli microrganismi sono stati messi a stretto contatto con le rocce argillose. Alimentandosi di argille, gli estremofili sono riusciti a sopravvivere continuando a produrre metano, il gas rilevato nell’atmosfera e prodotto dalle profondità del pianeta rosso.

Insomma forme di vita primitiva potrebbero nascondersi al di sotto della superficie di Marte generando significative quantità di metano. Le dimensioni ridotte di questi esseri viventi rende, però, la loro scoperta difficoltosa per gli strumenti della Nasa. Il primo getto di metano fu rilevato il 15 giugno 2013 da Curiosity dal cratere Gale. Secondo le prime ricostruzioni, all’origine dell’emissione ci sarebbero i depositi di gas presenti nel ghiaccio.

Related Articles