Polonia: scoperta lettera di due lavoratori forzati durante l’occupazione nazista

Polonia: scoperta lettera di due lavoratori forzati durante l’occupazione nazista

I due uomini hanno inserito il testo in una bottiglia murandola quasi 80 anni fa. L’obbiettivo era di tramandare il ricordo della “guerra di Hitler”.

Un messaggio trascritto in un foglio e nascosto nei pressi della stazione ferroviaria di Nowe Skalmierzyce, in Polonia, è venuto alla luce grazie agli scavi realizzati in un cantiere. La lettera, risalente a 79 anni fa, ovvero nel periodo durante il quale la Polonia era sotto l’occupazione nazista, ha una data ben precisa: il 15 marzo 1941 mentre le firme sono di Jan Karalewski e Wladysław Sobanski, due residenti della zona.

Nella lettera i due autori hanno voluto lasciare “un ricordo”, in modo che chiunque avesse trovato quel testo non avrebbe dimenticato “la guerra di Hitler e come i crociati (termine con il quale i polacchi designavano i soldati nazisti) ” hanno trattato le persone “. Jerzy Lukasz Walczak, sindaco della città, ha subito comunicato alla cittadinanza la scoperta suscitando l’interesse all’interno della comunità locale. Intanto è partita la caccia sugli autori e sui loro possibili discendenti attraverso l’archivio della città. L’obbiettivo degli esperti è risalire alle sorti dei due uomini, che negli anni della guerra, erano costretti ai lavori forzati dagli occupanti tedeschi.

Related Articles