Campi Flegrei: trivellazione provoca fumarola di 80 metri. Proteste dei cittadini

Campi Flegrei: trivellazione provoca fumarola di 80 metri. Proteste dei cittadini

Un geyser da record nella caldera dei Campi Flegrei. La rabbia dei comitati civici.

E’ una fumarola da record quella prodotta in seguito ad una perforazione realizzata nei Campi Flegrei. Un getto di fumo di ben 80 metri si è sollevato in seguito alle trivellazioni realizzate per un progetto geotermico, al momento sospeso, nella zona di Agnano, nel cuore della caldera dei Campi Flegrei. Colonne di gas maleodorante si diffondono nell’aria nella zona vulcanica più rischiosa al mondo mentre una spessa coltre chiara ricopre ogni tipo di superficie nel raggio di decine di metri.

Il fenomeno ha allertato la popolazione circostante ed i comitati civici; tutti uniti nel chiedere chiarimenti sulle attività svolte dalla ditta. A preoccupare è la presenza di lava, già rilevata in passato, ad una profondità compresa tra i trenta e i quaranta metri. Insomma il terrore della popolazione è di un’esplosione e il cedimento della terreno. Il gas, inoltre, potrebbe rappresentare un grave pericolo per la popolazione, anche alla luce dei rifiuti probabilmente interrati nel sottosuolo. Secondo il vulcanologo Giuseppe Mastrolorenzo il pericolo di esplosione è presente, pertanto risulta necessario interdire l’intera area.

Related Articles