Quanto ci costa comprare l’energia?

Quanto ci costa comprare l’energia?

Quanto ci costa comprare l’energia?

Comprare l’energia è un’esperienza comune a tutti (o quasi) gli abitanti del pianeta. L’energia la usiamo per accendere la luce, cuocere i cibi, spostarci in auto, usare gli elettrodomestici ma raramente si incontrano persone che conoscono quale prezzo pagano per l’energia che usano. Sembra incredibile ma è proprio così. Sappiamo (per esempio) quanto costa un litro di benzina, conosciamo il prezzo di un Kilovattora di energia elettrica, qualcuno (forse) conosce anche il prezzo di un chilogrammo di metano (certamente i possessori di veicoli alimentati da questo gas!). Ebbene, Vi sfido ad un semplice esperimento che dimostra come nessuno, o quasi, conosce il prezzo dell’energia. Costa di più l’energia che pago acquistando un litro di benzina oppure quella che compro attraverso un chilogrammo di metano? Costa di più l’energia elettrica che pago nella bolletta della luce oppure l’energia termica prodotta bruciando metano nella caldaia domestica?

E, se non bastasse questo primo esperimento, l’ultimo quesito stronca ogni pretesa velleità: perché il metano per uso domestico lo paghiamo in euro per “smc” (standard metro cubo), quello per uso autotrazione in euro per “Kg” (chilogrammo) ed il distributore che ce lo vende a chili lo paga in Joule?

Per fare un primo passo, occorrerebbe conoscere quanta energia contengono le sostanze innanzi nominate. Semplificando senza appassionarsi troppo ai decimali, occorre sapere che: un litro di benzina contiene circa 10 Kwh di energia; un smc di metano (alla pressione di 1 atmosfera) contiene sempre 10 Kwh di energia e pesa circa 750 grammi da cui si deduce che 1Kg di metano contiene oltre 13 Kwh di energia. Più facile per l\’energia elettrica, che (unico caso) ci viene venduta direttamente misurandola in Kwh (Kilo Watt Hour è una unità di misura dell\’energia, così come il Joule. 1 Kwh = 3,6 milioni di Joule).

Facendo riferimento alle quotazioni odierne (3(8/2019) in Euro per gli utenti finali, cioè per i cittadini  comuni, questi sono i costi dell’energia: 1 Kwh Benzina-self = 0,154; 1 Kwh Metano autotrazione = 0,075; 1 Kwh Metano domestico = 0,080; 1 Kwh elettricità = 0,30; 1 Kwh termico (con caldaia tradizionale rendimento 64%) = 0,125; 1 Kwh termico (con caldaia a condensazione rendimento 84%) = 0,095.

Adesso che è più chiaro quanto ci costa l’energia che acquistiamo, resta solo da capire cosa ci conviene comprare, considerando che il Kwh elettrico è già bello e pronto per l’uso e qui uno vale uno per davvero. Mentre far andare una lavatrice a benzina (visto che quel Kwh sembra costare meno) non è problema semplice da risolvere!

Nei prossimi articoli esamineremo i sistemi e le trasformazioni energetiche. In parole semplici, come si tirano fuori i Kwh dalla benzina e dal metano e quanti sono effettivamente utilizzabili.

(n. piccenna)

Related Articles