Siberia: un altro disastro ambientale nelle acque del Pacifico

Siberia: un altro disastro ambientale nelle acque del Pacifico

Questa è la seconda volta nel mese di ottobre che viene segnalato un episodio di inquinamento nelle acque del Pacifico russo.

Una fuoriuscita di derivati ​​del petrolio è stata rilevata nelle acque del Pacifico a pochi chilometri da Nakhodka, un porto nell’estremo oriente russo vicino a Vladivostok. Il Servizio Federale per la Supervisione delle Risorse Naturali ha prelevato alcuni campioni dell’acqua nell’area per indagare sulla fonte di contaminazione e determinare l’entità degli effetti, segnalati dal governo della regione di Primorye. Le autorità di Nakhodka stanno lavorando per contenere la contaminazione con varie misure, tra cui l’installazione di barriere galleggianti.

Siberia: un altro disastro ambientale nelle acqua del Pacifico

Questa è la seconda volta in questo mese che viene segnalato un caso di contaminazione nel Pacifico russo. All’inizio di ottobre, diverse spiagge della penisola di Kamchatka sono state ricoperte da corpi di animali morti e diversi surfisti hanno subito una temporanea perdita della vista, vomito, attacchi di tosse e mal di gola a causa della contaminazione delle acque della zona; un fenomeno improvviso di origine sconosciuta. Team di specialisti locali hanno rilevato nei prodotti dell’acqua derivati da petrolio e fenoli.

Related Articles