Coronavirus anche sui cibi congelati: l’allerta in Cina

Coronavirus anche sui cibi congelati: l’allerta in Cina

Anche le superfici dei prodotti congelati possono essere infette dal coronavirus.

Il Centro cinese per il controllo e la prevenzione delle malattie ha avvertito, in una dichiarazione ufficiale, che il contatto con contenitori contaminati di cibo congelato può causare infezione da covid-19. L’annuncio giunge dopo un’attenta analisi effettuata sui prodotti congelati ed il rilevamento del coronavirus sui contenitori di merluzzo importato nella città costiera di Qingdao. Si tratta della prima volta al mondo che il nuovo coronavirus viene isolato, nel suo stato attivo, in contenitori per alimenti congelati. L’ente cinese ha aggiunto come il rischio di contaminazione degli alimenti congelati, che circolano nel mercato cinese, è comunque “molto basso. Attraverso un’analisi su un totale di 2,98 milioni di prodotti nel paese, inclusi 670.000 alimenti surgelati o il loro imballaggio, gli studiosi hanno rivelato la presenza di COVID in soli 22 imballaggi.

Coronavirus anche sui cibi congelati: l’allerta in Cina


La ricerca giunge dopo che, durante la scorsa settimana, due portuali di Qingdao, successivamente risultati positivi al coronavirus, hanno trasmesso il COVID-19 in un ospedale dove si erano recati per un controllo medico di routine, provocando 12 infezioni. Secondo Jin Dong-Yan, docente di virologia dell’Università di Hong Kong, lo studio di CDC non mostra prove evidenti che i due lavoratori di Qingdao abbiano contratto il virus attraverso le confezioni maneggiate. Anche il CDC ha dichiarato di non aver rivelato, con assoluta certezza, consumatori ammalati a causa del contatto con prodotti congelati, sebbene abbia consigliato a coloro che lavorano in questo settore di evitare il contatto diretto con gli alimenti potenzialmente contaminati.

Related Articles