Gioconda: scoperto un ‘schizzo preparatorio’ nel quadro di Leonardo

Gioconda: scoperto un ‘schizzo preparatorio’ nel quadro di Leonardo

Una scansione ad alta tecnologia rivela la tecnica con la quale l’artista toscano realizzò l’opera più celebre al mondo.

Uno studio durato ben sedici anni ha rivelato, oggi, un dettaglio inedito sulla Gioconda di Leonardo da Vinci. Un’analisi realizzata dal ricercatore francese Pascal Cotte attraverso la digitalizzazione dell’immagine della Monna Lisa, attraverso la Lumiere Technology, una fotocamera multispettrale ad alta risoluzione, capace di individuare la luce riflessa su 13 lunghezze d’onda ha rivelato un disegno a carboncino realizzato sotto al dipinto. Si tratta di una traccia che suggerisce come Leonardo abbia utilizzato uno schizzo preparatorio per realizzare il celebre ritratto.

Gioconda: scoperto un ‘schizzo preparatorio’ nel quadro di Leonardo
Fonte: © Pascal Cotte

Conosciuta come la tecnica dello spolvero, il metodo usato da Leonardo consente di trasferire uno schizzo su una tavola sulla quale vengono realizzato dei fori lungo il contorno di un’immagine e spolverati con il carbone. Le tracce dello spolvero sono stati individuati dall’esperto sulla mano e sull’attaccatura dei capelli della Gioconda, cioè le aree più chiare dell’opera. Il particolare conferma, inoltre, come Leonardo abbia spostato la posa della Gioconda, ruotando la testa in modo che fissasse più direttamente lo spettatore. La ricerca conferma, inoltre, come il disegno a spolvero sia stato realizzato per creare più copie della Gioconda, tra cui una replica esposta in Spagna, nel museo del Prado di Madrid. La ricerca alimenta l’ipotesi, già avanzata in passato, i un disegno preparatorio della Gioconda realizzato a mano dall’artista, su carta.

Related Articles