Marte: Curiosity cattura una tromba d’aria

Marte: Curiosity cattura una tromba d’aria

L’animazione del rover mostra il passaggio di un vortice di sabbia.

Gli occhi del rover Curiosity continuano ad analizzare la superficie del pianeta rosso, ormai dal 6 agosto del 2012. Sono davvero tante le scoperte realizzate dal rover della NASA attraverso l’osservazione dei dati dell’arido pianeta. E’ il caso del “diavolo di sabbia”, un fenomeno meteorologico molto ricorrente anche sul nostro pianeta, nelle aree desertiche e secche. La piccola tromba d’aria è stata catturata da Curiosity il 9 agosto scorso lungo il margine dei pendii scuri e chiari del cratere Gale, largo circo 154 chilometri. Il fenomeno, inoltre, non desta particolare stupore da parte degli esperti, soprattutto in questo periodo dell’anno.

Marte: Curiosity cattura una tromba d’aria

Si approssima l’arrivo dell’estate nell’emisfero del Cratere Gale, un periodo nel quale si registra un significativo riscaldamento superficiale“, dichiara Claire Newman – “Il fenomeno produce una convezione più significativa e vortici convettivi, che consistono in venti veloci che sferzano intorno a nuclei a bassa pressione. Qualora questi vortici sono abbastanza forti, sono in grado di sollevare la polvere dalla superficie e trasformarsi in diavoli di sabbia“. Si tratta di fenomeni, in genere, molto deboli, anche se il vortice del 9 agosto è apparso anche nelle immagini non elaborate, un elemento che ne indica una potenza maggiore.

Related Articles