Terremoto Messico: la NASA rileva spostamento della superficie di mezzo metro

Terremoto Messico: la NASA rileva spostamento della superficie di mezzo metro

Gli effetti della scossa nello stato meridionale di Oaxaca.

Il terremoto di 7.4 gradi della Scala Richter che ha interessato il Messico il 23 giugno ha provocato uno spostamento della superficie, proprio in corrispondenza della regione di Oaxaca. A rivelarlo è una serie di mappe della NASA e del satellite giapponese JAXA ALOS-2.

Terremoto Messico: la NASA rileva spostamento della superficie di mezzo metro

Lo spostamento, di quasi 0,45 metri, è stato osservato nell’epicentro del terremoto, spiega la NASA in una nota. Allo scopo di comprendere meglio l’origine del fenomeno, derivato da questo evento, il Programma NASA si coordinerà con gli esperti per produrre dati e immagini satellitari per comprenderne meglio gli effetti. Subito dopo il terremoto, le autorità hanno emesso un allarme tsunami, con onde di 0,68 metri osservate ad Acapulco e 0,71 metri a Salina Cruz. Nonostante le onde di tsunami giunte sulle coste sono state modeste, l’evento è stata un’opportunità per testare le capacità della previsione dello tsunami e del sistema di allerta precoce.

Related Articles