CoronaVirus e la Germania in Europa

CoronaVirus e la Germania in Europa

L’economia mondiale crolla, gli stati europei sono al collasso, in sole due settimane si è registrato un calo della borsa come non succedeva dal lontano 1929, gli stati membri dell’EU cercano soluzioni per riparare a questa crisi provando a fare intese per il bene di tutti, cercando un accordo che accontenti tutti, ma siamo lontani anni luce, e si percepisce l’essere stufi di alcuni stati membri fondatori , che forse grazie al coronavirus, che ha messo in ginocchio i sistemi sanitari di tutta l’Europa, stanno smascherando il vero artefice di questo collasso, che non è il coronavirus , ma è ancora una volta Lei ” la Germania”. Cambiano le motivazioni, cambiano gli interpreti ma lei è sempre li, pronta a provocare guerre pur di essere in cima a tutti ,” Deutschland Deutschland über alles” cantava il loro inno negli anni ’30, che tradotto in Italiano vuol dire, ” Germania Germania sopra tutto e tutti”, oggi non lo cantano più, lo hanno omesso dal loro inno, ma non dal loro pensiero e dalla loro cultura, il principio ariano vige ancora. E chi ve lo dice è un Italiano trasferitosi in Germania da ormai cinque anni, sto imparando a conoscerli, in principio ero stupito dalla loro organizzazione, dal loro saper fare, dal loro guardare sempre avanti, dal pensare sempre e solo ai cittadini, ma con il tempo mi sono accorto che è tutto fumo negli occhi, un popolo che forse non cambierà mai. Se in Europa il coronavirus si sta diffondendo cosi rapidamente e sta mietendo vittime ovunque (sopratutto in Italia), una grossa fetta di colpa dobbiamo darla anche ai Tedeschi e vi spiego subito il perchè. La prima cosa da fare è porsi qualche lecita domanda. Come è possibile che quasi tutta l’Europa sia in quarantena, la popolazione si sta impegnando a restare a casa per evitare di contagiarsi (e nel dubbio di essere asintomatici, di contagiare), regole da corte marziale, misure straordinarie di chiusura delle attività produttive e non produttive, autocertificazioni da compilare per poter uscire solo per motivi  di salute, divieto di uscire anche per prendere una boccata d’aria. Invece in Germania basta solo lavarsi le mani con il sapone per non essere contagiati, le misure non sono cosi drastiche come nel resto dell’Europa, la loro preoccupazione è la loro economia, per il resto se la ridono, si prendono gioco dell’Italia e degli Italiani, come ai mondiali di calcio del 2006 vi ricordate? Ci chiamavano mangiatori di pasta e di pizza, ci deridevano, ci offendevano anche pesantemente, ed alla fine rimasero con l’amaro in bocca, a Berlino fu l’Italia ad andarci, a giocare la finale che poi vinse contro la Francia, un incubo per i Tedeschi, a casa loro dovevano vincere loro, invece vinsero proprio gli “spaghettifressen”.  Allora quando si chiede ad un tedesco come vive questa vicenda del corona virus, lui risponde che non c’è da preoccuparsi, loro sono la Germania, hanno il miglior sistema sanitario del mondo, una delle economie più forti al mondo, non si può paragonare la Germania all’Italia,  lo reputano un paese arretrato, con scarsa igiene, con animali randagi in circolazione, e con un sistema sanitario pari a zero, loro invece sono pronti a gestire i contagi, effettivamente hanno il 600 % di posti liberi di terapia intensiva rispetto a quelli dell’Italia, strutture piazzate strategicamente ogni tot di abitanti, e punti di pronto soccorso in ogni paesino, dal paesino di 300 abitanti a salire, ma anche 80 anni fa  credevano di avere l’armata più forte del mondo, e poi sappiamo tutti come andò a finire per fortuna, ma il Tedesco fa sempre lo stesso errore,dimentica. Ora, come nei due conflitti mondiali che la videro sempre come protagonista e sempre sconfitta per fortuna ( ebbe sempre il ruolo di cattiva), non si preoccupano minimamente dei pericoli, quello del virus e quello di salvaguardare l’ economia più forte del continente, per il primo hanno il sistema sanitario numero 1 al mondo( è tutto ancora da vedere) , e per il secondo sono l’economia piu stabile d’Europa ( anche questo è tutto da vedere ), quindi hanno ben pensato come in passato di sferrare il colpo di grazia, “aiutare” i paesi in difficoltà facendogli credito tramite il MES, cosi da indebitarli, impoverirli, farli fallire , ricomprarli svalutati al massimo e sottometterli al loro volere come già successo con la Grecia. Sono accecati dalla sete di potere, dal loro primeggiare, non si accontentano di essere leader, vogliono essere padroni, e questo come in passato li distruggerà di nuovo, se l’unione cade, i primi a perderci saranno loro, la loro economia mantenuta dagli altri paesi indebitati dell’unione crollerà, il sogno del  “IV Reich” diventerà un incubo, e questa volta non credo che verranno perdonati, devono essere tenuti a bada, non devono primeggiare, insomma il sogno Europeo è andato in frantumi, non ha funzionato, e la colpa è di chi non si è guardato indietro, facendo tesoro degli errori passati ed ha permesso questa supremazia tedesca, che prima dell’avvento della Comunità Europea, era impensabile, ci saremmo aspettati di essere guidati dagli Inglesi o dai Francesi o meglio ancora da noi Italiani, popoli e culture certamente più propense alla collaborazione ed alla pace, invece ci siamo fatti guidare dai migliori egoisti, guerrafondai e presuntuosi che l’Europa abbia mai avuto. Non temono il Virus, sono attrezzati per l’emergenza, o forse sono anche loro complici di questa diffusione visto che il paziente zero portatore del virus incriminato è un Tedesco? Hanno costretto gli stati membri, in questi anni di politiche di austerità poste dalla comunità Europea,  a doversi adeguare a parametri di bilancio a dir poco assurdi, costringendoli a tagliare proprio nel settore della sanità e lasciare impreparati questi ultimi nel caso si verificasse un evento come quello in essere, per colpire ancora di più le economie e sferrare il colpo di grazia finale tramite il MES, e diventare i padroni assoluti dell’Europa. La riflessione è d’obbligo!!! Continua………………euro-nazista.png 

Fonti Articolo:
  • immagine: http://freeanimals-freeanimals.blogspot.com/2015/04/un-asse-portante-del-neoliberismo.html

Related Articles