Vanuatu: il ciclone Harold lascia morte e distruzione

Vanuatu: il ciclone Harold lascia morte e distruzione

Nella giornata di ieri, lunedì 6 aprile, il potente ciclone tropicale Harold, di categoria 5, ha devastato il nord e il centro di Vanuatu, un paese di circa 300.000 abitanti composto da oltre 80 isole e situato nel Sud Pacifico. Il ciclone, con raffiche di vento fino a 230 chilometri all’ora, ha lasciato una diffusa devastazione in diverse regioni dell’arcipelago, in particolare a Luganville, la seconda città più grande del paese. In diverse aree dell’arcipelago sono state segnalate cadute di alberi, inondazioni e frane; molti edifici, strade e collegamenti infrastrutturali sono stati gravemente danneggiati dalla pioggia e dalle forti raffiche di vento. Ad oggi è difficile valutare l’entità dei danni visto che alcune delle regioni insulari più colpite rimangono isolate. I ministri parteciperanno ad una riunione straordinaria per affrontare la situazione e valutare la possibilità di ricorrere ad aiuti internazionali.

Il 26 marzo, il governo Vanuatu ha dichiarato lo stato di emergenza per prevenire la diffusione di covid-19. Sebbene nell’arcipelago non siano stati segnalati nuovi casi di coronavirus, Vanuatu, come molte altre nazioni del Pacifico, ha già bloccato i confini per prevenire l’epidemia. Con l’arrivo del ciclone, le misure di emergenza come il divieto di raduni pubblici, sono state sospese per consentire alle persone di spostarsi nei centri di evacuazione.

Fonti Articolo:
  • https://edition.cnn.com/2020/04/06/weather/vanuatu-tropical-storm-harold-intl/index.html

Related Articles