Gas serra mai così alti: l’allarme delle Nazioni Unite

Gas serra mai così alti: l’allarme delle Nazioni Unite

I livelli di gas serra nell’atmosfera, il principale motore dei cambiamenti climatici, hanno raggiunto un nuovo record; una condizione che richiede azioni decise per salvaguardare “il benessere futuro dell’umanità”. “Non vi è alcun segno di rallentamento della concentrazione di gas serra nell’atmosfera, nonostante tutti gli impegni previsti dall’accordo di Parigi sui cambiamenti climatici”. Le parole del capo dell’Organizzazione meteorologica mondiale (OMM) Petteri Taalas, riportate in una nota, sono chiare. Il principale bollettino annuale dei gas serra dell’OMM ha indicato la concentrazione atmosferica di CO2 nel 2018 a 407,8 parti per milione (ppm), in aumento rispetto a 405,5 ppm nel 2017. Tale aumento è stato appena superiore all’aumento medio annuale nell’ultimo decennio. La CO2 è responsabile di circa i due terzi del riscaldamento terrestre. Il secondo gas serra più diffuso nell’atmosfera è il metano, emesso in parte dai bovini e dalla fermentazione dalle risaie, che è responsabile del 17% del riscaldamento, secondo l’OMM. L’ossido di azoto, il terzo maggiore gas serra, è prodotto in gran parte dai fertilizzanti agricoli, contribuendo al 6% del riscaldamento sulla Terra. 

 

Questa continua tendenza a lungo termine – dichiarato il WMO – significa che le generazioni future dovranno far fronte a impatti sempre più gravi dei cambiamenti climatici, tra cui temperature in aumento, condizioni meteorologiche più estreme, stress idrico, innalzamento del livello del mare e perturbazione degli ecosistemi marini e terrestri”. Le emissioni sono il principale fattore che determina la quantità di livelli di gas serra, anche se i tassi di concentrazione di gas serra rappresentano il risultato di interazioni complesse tra atmosfera, la biosfera, la litosfera, la criosfera e gli oceani. A tutto ciò c’è da aggiungere come il 25 percento di tutte le emissioni sia assorbito dagli oceani e dalla biosfera; insomma una situazione complessa. Il gruppo intergovernativo delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (IPCC) ha affermato che per mantenere il riscaldamento al di sotto di 1,5 gradi Celsius, le emissioni nette di CO2 devono essere pari a zero netto, il che significa che la quantità immessa nell’atmosfera deve essere uguale alla quantità rimossa. Nonostante la gravità della situazione, spiegano gli esperto nel comunicato presentato a Ginevra “la visibilità di questi problemi è la più alta che sia mai stata”.

Fonti Articolo:
  • https://www.sciencealert.com/all-major-greenhouse-gases-reached-new-record-highs-last-year

Related Articles