Trovata la prova scientifica dell’esistenza di Dio

Trovata la prova scientifica dell’esistenza di Dio

Trovata la prova scientifica dell’esistenza di Dio 

Quando si parla di Dio, sia da credenti, sia da atei o agnostici, si ha a che fare con un concetto indefinibile e imperscrutabile. E’ un concetto privo di significato, nel momento in cui si cerca di darne una qualsiasi rappresentazione, sia pur astratta. E questa difficoltà, per onestà intellettuale, ce l’abbiamo tutti. Le religioni non accettano discussioni: o si ha Fede o non si ha Fede. Non esiste una via di mezzo. Ma sulla base di quali concetti, o presupposti, possiamo definirci credenti o atei/agnostici? In cosa si differenzia una persona di Fede da una persona priva di questo “dono”?

Il tema dunque si sposta su un fronte dialettico in cui le domande fondanti diventano:

  • Esiste una Volontà divina che permea ogni cosa, oppure no?

E, per chi non accetta la dimensione del “divino”, la domanda diventa:

  • Esiste un ordine universale, ovvero una Mente Superiore cosmica, con una logica intrinseca che determina ogni cosa, comprese le leggi della Natura esistenti? Oppure tutto è dominato dal caos e dal caso?

Or dunque, una risposta, in questa chiave di lettura, la possiamo ottenere proprio sul piano prettamente scientifico, ovvero entrando nei meandri più nascosti e profondi della realtà fisica, dove s’intravedono inoppugnabilmente delle leggi che palesano quella Volontà e quella logica di cui prima. Chi ha provato a dare una risposta è il noto Fisico teorico Michio Kaku, il quale ha dichiarato di aver trovato la prova scientifica dell’azione di una forza che “governa tutto”. E ciò equivale a dire di avere la prova che niente è casuale, anzi la “testimonianza” visibile dell’intervento implicato di Dio. Pur sapendo che lo studioso si è sempre dichiarato un credente, le sue affermazioni hanno destato non poco scalpore nella comunità scientifica.

Michio Kaku ha utilizzato un semi radio primitivo di tachioni, ovvero particelle teoriche che sono in grado di far decollare la materia dell’universo o il contatto di vuoto con la stessa, lasciando tutto libero dalle influenze dell’universo intorno a esse.

I tachioni sono capaci di separare non casualmente la materia dal resto dell’universo. E’ come dire che un piccolo punto nello spazio può essere totalmente libero da ogni influenza cosmica.

E’ per questo che Michio Kaku ha potuto osservare che, in questo punto, nel profondo caos esiste un ordine misterioso che dirige la formazione dell’universo e della vita.

Secondo lo scienziato quindi, molto stimato da tutti i colleghi, vivremmo allo stato attuale come in una sorta di “Matrix”. Egli dice: “Sono arrivato alla conclusione che ci troviamo in un mondo fatto di regole create da un’intelligenza, non molto diverso dal suo gioco preferito, ovviamente più complesso e impensabile. Credetemi, tutto quello che fino a oggi abbiamo chiamato caso, non avrà alcun significato. Per me è chiaro che siamo in un piano governato da regole create e non determinate dalle possibilità universali. Dio è un gran matematico.”

 

Fonti Articolo:
  • Media
  • http://infostudenti.net/michio-kaku-assicura-la-prova-scientifica-dio-esiste/

Related Articles