Grana Padano e Parmigiano: in Usa vendite cresciute del 220% in una settimana

Grana Padano e Parmigiano: in Usa vendite cresciute del 220% in una settimana

Un aumento di oltre duecento punti percentuali ha interessato le vendite del Parmigiano Reggiano e del Grana Padano nel corso dell’ultima settimana. L’effetto inatteso dei dazi voluti dal presidente Trump  è stato pubblicato dalla Coldiretti nel corso del Forum Internazionale dell’agroalimentare di Cernobbio. Secondo i dati dal 4 ottobre, giorno nel quale è stata pubblicata la cosiddetta lista nera, i consumatori e ristoratori americani sono accorsi ad acquistare il formaggio italiano in vista del 18 ottobre, giorno in cui entrerà in vigore l’aumento del 25%. Gli effetti dei dazi, comunica Coldiretti, si tradurranno in un aumento dei costi del Parmigiano dagli attuali 2,15 dollari al chilo a circa 6 dollari al chilo, con un probabile rallentamento dei consumi. Insomma la crescita delle vendite è a rischio già nelle settimane prossime. 

Ad essere colpiti, oltre al Parmigiano e al Grana Padano, saranno gran parte delle esportazioni Made in Italy per un valore di circa mezzo miliardo di euro con il Gorgonzola e altri lattiero caseari  come i  salami, pasta, mortadelle, crostacei, molluschi agrumi, succhi e liquori fortemente penalizzati. Ma i dazi non colpiscono sono l’Italia: la Francia ha visto già crollare, per un valore di 1,2 miliardi di euro, le importazioni negli Usa mentre la Gran Bretagna vivrà un aumento dei superalcolici esportati, a partire dallo Scotch Whiskey. Il rischio è un effetto devastante sull’intera economia europea, dopo che l’UE ha seguito gli USA nel sanzionare la Russia che, a sua volta, ha provveduto all’embargo di tutti i prodotti agroalimentari europei.

Fonti Articolo:
  • https://www.thelocal.it/20190926/new-trump-tariffs-threaten-italys-parmesan-makers

Related Articles