Spazio: scoperti tre buchi neri in collisione

Spazio: scoperti tre buchi neri in collisione

Gli astronomi hanno individuato tre giganteschi buchi neri in una collisione titanica di tre galassie. “All’epoca cercavamo le coppie di buchi neri – racconta Ryan Pfeifle della George Mason University di Fairfax, in Virginia – eppure, attraverso la nostra tecnica di selezione, ci siamo imbattuti in questo straordinario sistema di tre buchi neri. Questa è la prova più chiara mai trovata di un sistema triplo di buchi neri supermassicci.” Il sistema è noto come SDSS J084905.51 + 111447.2 (in breve SDSS J0849 + 1114) e si trova a un miliardo di anni luce dalla Terra. Per scoprire questo rara formazione, i ricercatori hanno combinato i dati dei telescopi sia a terra che nello spazio: il telescopio Sloan Digital Sky Survey (SDSS), che analizza ampie aree del cielo dal New Mexico, ha ripreso l’immagine SDSS J0849 + 1114. Quindi, i dati della missione WISE (Wide-field Infrared Survey Explorer) della NASA hanno rivelato che il sistema brillava intensamente alla luce infrarossa durante una fase della fusione della galassia, nella fase in cui si prevede che più di uno dei buchi neri si sta alimentando con ingenti quantità di materiali.

Per dare seguito a questi indizi, gli astronomi si sono poi rivolti a Chandra e al Large Binocular Telescope (LBT) in Arizona. I dati di Chandra hanno rivelato le fonti di raggi X, un segno rivelatore del materiale consumato dai buchi neri, nei centri luminosi di ciascuna galassia nella fusione, esattamente dove gli scienziati si aspettano che risiedano buchi neri supermassicci. Anche Chandra e la Nuclear Spectroscopic Telescope Array (NuSTAR) della NASA hanno scoperto prove di grandi quantità di gas e polvere attorno a uno dei buchi neri, elementi tipici di un sistema di fusione del buco nero.  

Fonti Articolo:
  • https://www.nasa.gov/mission_pages/chandra/images/found-three-black-holes-on-collision-course.html

Related Articles